Co- sleeping, perché io dico no

12472817_1351372334888145_7974523167523562558_n

Co-sleeping, pratica secondo cui si condivide il lettone con il proprio figlio.

Se ne è parlato tantissimo e se ne continua a parlare sotto tanti punti di vista: antropologico, psicologico, etc

In questo momento “va di moda il si”.. dico “va di moda” perché ogni tot anni viene tirata fuori una nuova teoria riguardo la gestione dei neonati.

Quando sono nata io ho dormito da sempre in cameretta, da sola e a pancia in giù. Adesso il bambino deve dormire a pancia in su e tassativamente in camera con i genitori fino al primo anno di vita. In più, con loro, dovrebbe condividere il lettone.

12651280_1325761690782543_7578765726840219351_n

Perché io dico no al co-sleeping

Quando siamo tornati a casa, Carloleone è stato subito messo nella sua culla di cartone accanto al nostro letto. Così la notte, quando piangeva per la poppata, dovevo solo allungare le braccia e tirarlo su.

Poi però, come ben saprete, mi sono rotta una gamba…a 20 giorni dal parto…mi sono operata e oltre a camminare solo con le stampelle avevo anche tanto sonno e poco equilibrio.

Ma decisa nel non metterlo in mezzo a me e Francesco, con grande sacrificio ho continuato a tenerlo in culla, facendo dei salti mortali per riuscire a tirarlo su (stando seduta sul letto)  senza cadere a faccia avanti.

Poi, una notte, mi sono alzata per andare in bagno..con le stampelle…al ritorno sono scivolata e sono caduta con tutto il peso sopra la culla..di cartone.. con Carloleone dentro..

Se non mi avesse preso al volo Francesco, avrei schiacciato il bambino…

Ho pianto per tutta la notte, per la paura, per lo spavento, per quello che sarebbe potuto succedere.

Dalla notte dopo, Carloleone ha dormito in mezzo noi. Risultato?

  • calci e schiaffi
  • paura nel muoversi
  • rischio di schiacciarlo (di nuovo)
  • addio abbracci e baci tra mamma e papà
  • litigi

Per carità, bellissimo dormire insieme, stupendo, ma impraticabile. Almeno lo è stato per me e Francesco.

Per fortuna il mio compagno si è imposto e ha detto basta. Dico, per fortuna, perché se fosse stato per me avrebbe dormito in mezzo a noi (nonostante i punti sopra) fino ai 18 anni. Il solo pensiero di rimetterlo in culla è stato devastante, ma poi dopo aver dormito profondamente e di fila per diverse ore, è passato tutto il dispiacere.

 

Annunci

4 pensieri su “Co- sleeping, perché io dico no

  1. Condivido tutto. Può sembrare bellissimo dormire col proprio bimbo ma non lo è perché la realtà è tutt’altra. Ognuno nel suo letto. Per la sicurezza, per il bambino, per il sonno di tutti e per la coppia soprattutto. Nulla poi ci vieta di “trasgredire” e dormire tutti insienme poi una volta tanto. Ma che rimanga un’eccezione. In questo modo sarà anche più bello.

    Piace a 1 persona

  2. esattamente… è più l’ansia che ho nella paura di schiacciarla o farle del male involontario che la fatica dell’alzarmi ogni notte e allungare le braccia!!! e poi ci sta la trasgressione (finora solo una volta) ma davvero penso che vada meglio per tutti! Web dorme affianco a noi nel suo next to me, per ora è ancora agganciata al nostro letto, tra un po’ tireremo su le sbarre 🙂 siamo tutti felici ❤

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...