Culla di cartone: perché sceglierla

Quando abbiamo raccontato di aver comprato una culla di cartone per il ranocchio, tutti i nostri amici sono inorriditi con tanto di faccia perplessa… e quasi compassionevole del tipo “Poverini..magari non avranno i soldi per comprare l’ultimo modello della culla deSchermata 2015-11-17 alle 10.26.29lla Chicco!”

E invece no, non è così.

Un paio di mesi fa, una mia amica mi ha fatto notare una culla in cartone postata da Marco Bianchi su Instagram, nel giro di pochi secondi mi sono ricordata di averne già sentito parlare qualche anno fa ed in effetti dopo una ricerca su internet ho scoperto che il governo finlandese la manda in regalo alle famiglie con un bimbo appena nato… lo fanno addirittura dal 1938 🙂

Riporto quanto letto su PoPsci

In Finlandia le usano da tempo e molti bambini dormono i primi mesi di vita nelle cosiddette ‘baby-boxes’, scatole di cartone poco più grandi di una scatola di scarpe. Una tradizione che a molti può sembrare strana, ma che secondo gli esperti finlandesi ha contribuito a far calare la mortalità infantile. Tanto che diversi Paesi, come Sudafrica, Zambia, Colombia, Argentina e Stati Uniti stanno avviando programmi simili, come ha rilevato una dottoranda dell’Università di Harvard, Karima Ladhani, che a sua volta ha fondato una ong per realizzare queste scatole nel sud dell’Asia. ”Con questo progetto speriamo di salvare le vite di 58 mila neonati nei prossimi cinque anni – spiega Ladhani al quotidiano The Independent – L’unica condizione perché le madri ricevano la scatola è che si sottopongano a esami prenatali, cosi’ come avvenne in Finlandia all’inizio del 20/o secolo”. La scatola finlandese, pagata dal governo, non è solo una scatola di cartone dotata di materasso e lenzuolini, ma contiene tutto il necessario, dalle tutine e i body ai pannolini al termometro per il bagnetto, per affrontare i primi mesi di vita del bambino. Uno dei suoi meriti, secondo gli esperti finlandesi, è che rappresenta uno spazio sicuro dove il bambino può dormire, fuori dal letto dei genitori e senza giochi, cuscini o altre cose che possano soffocarlo durante il sonno. Inoltre viene distribuita senza biberon e ciucci per favorire l’allattamento al seno, cosa che si è verificata nel paese scandinavo. Da quando ha iniziato a essere distribuita gratuitamente a tutte le mamme nel 1938, in Finlandia si e’ passati da un tasso del 10% di bambini che morivano prima del compimento dell’anno allo 0,3%. Dallo scorso ottobre, il numero di paesi cui le baby boxes vengono esportate, da aziende appositamente create, è aumentato arrivando circa a una trentina. Gli Stati Uniti in particolare sono tra i paesi dove stanno riscuotendo sempre più successo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...